A proposito di esami di maturità

A questi temi è stato apposto che fossero troppo facili rispetto alla estensione delle cognizio­ni che i programmi richiedono agli alunni della Sezione Fisico-Matematica. Ma noi persistiamo a credere convenirsi a tali esami piuttosto i temi facili che difficili. Imperocché questi non valgono che a cimentare l’acume dei più valenti, e confondono poi nella medesima riprovazione la moltitudine dei mediocri con gl’infimi, rendendo inevitabile la pietà degli esaminatori, la quale finisce col togliere efficacia all’esame e farlo fallire al proprio scopo. Laddove il tema facile smaschera gl’indegni, è accessibile ai mediocri, e lascia poi ai migliori l’agio di addimostrarsi tali con la scelta dei metodi più spediti ed eleganti e con l’aggiunta di giudiziose osservazioni.

Tratto dalla relazione della commissione che preparò i temi dell’esame finale della Sezione Fisico-Matematica dell’Istituto Tecnico, presieduta dall’illustre matematico Francesco D’Ovidio (1886).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...